Baro-metro

IL GUSTO DEGLI ALTRI 2017/2018

 

LUIGI ABIUSI
(Uzak, Settimana Internazionale della Critica)

Dogman – Matteo Garrone
Fuori dal nichilismo, dentro la pietas

Mektoub my love – Canto Uno – Abdellatif Kechiche
Una giovinezza straripante

I tempi felici verranno presto – Alessandro Comodin
Metafisica in film

Ready Player One – Steven Spielberg
Ecco cos’è l’hautology

I cormorani – Fabio Bobbio
L’infanzia ritrovata a volontà

Chiamami col tuo nome – Luca Guadagnino
L’educazione sentimentale

Detroit – Kathryn Bigelow
Politica del linguaggio

Blade Runner 2049 – Denis Villeneuve
Forte sentire dell’automa

Ex Libris: New York Public Library – Frederick Wiseman
Il futuro è possibile

American Honey – Andrea Arnold
America oggi

Dai festival
First Reformed – Paul Schrader
Il Film del nuovo millennio: politica & poetica

Nocturama – Bertrand Bonello
Spietata attualità

Good Time – Josh Safdie, Benny Safdie
Il reale, non la realtà


PEDRO ARMOCIDA 
(Pesaro Film Festival, Il GiornaleFilm TV)

Chiamami col tuo nome – Luca Guadagnino
Mektoub My Love – Canto Uno – Abdellatif Kéchiche
Ready Player One – Steven Spielberg
Dove non ho mai abitato – Paolo Franchi
Dunkirk – Christopher Nolan
Nico, 1988 – Susanna Nicchiarelli
Una donna fantastica – Sebastián Lelio
Solo: A Star Wars Story – Ron Howard
Unsane – Steven Soderbergh
La ruota delle meraviglie – Woody Allen

Extra
Twin Peaks – David Lynch (serie FX)
Czech One – King Krule (videoclip di retto da Frank Lebon)
Peau de Chagrin / Bleu de Nuit – Baloji (videoclip di Baloji)


FABIO BOBBIO
(regista)

Nella testa
Zama – Lucrecia Martel
Nocturama – Bertrand Bonello
I fantasmi di Ismael – Arnaud Desplechin

Nel cuore
Visages, Villages – Agnès Varda
Coco – Lee Unkrich, Adrián Molina
A Ciambra – Jonas Carpignano
Estate 1993  – Carla Simón
Chiamami col tuo nome – Luca Guadagnino
The Meyerowitz Stories – Noah Baumbach
O Ornitólogo – João Pedro Rodrigues

Nello spirito
I racconti dell’orso – Olmo Amato, Samuele Sestrieri
Dark Night – Tim Sutton
Aliens – Luis López Carrasco


MICHELE CASELLA
(XL Repubblica, TvAddicted)

Mindhunter (stagione 1)
Una trama orizzontale che non lascia scampo e una performance attoriale di alto livello.

Bojack Horseman (stagione 4)
La sitcom animata più drammatica del pianeta, come se “Mad Men” si intrecciasse a “Cinque in Famiglia”.

Black Mirror (stagione 4)
Una grande narrazione distopica che esplora i confini fra virtuale e reale.

Ash vs Evil Dead (stagione 3)
Una serie spericolata, irriverente e oltraggiosa, l’apoteosi di Bruce Campbell. Assurda la sua cancellazione.

Atlanta (stagione 2)
L’apoteosi di Donald Glover aka Childish Gambino aka Earnest “Earn” Marks. Una serie ruvida ma divertente e ben bilanciata.

Patrick Melrose
Una grande interpretazione di Benedict Cumberbatch per uno dei personaggi narrativi più iconici della nostra contemporaneità, delineato dallo scrittore Edward St Aubyn.

Picnic a Hanging Rock
Psichedelico come il classico di Peter Weir, pop come un film di Sofia Coppola.

High Maintenance (stagione 2)
Storie di ordinaria dipendenza raccontate attraverso la routine quotidiana di uno spacciatore d’erba. Fulminante la web series, convincente la messa in onda televisiva.

The End of the F***ing World (stagione 1)
Una libertà narrativa che crea due personaggi lunatici ed irresistibili per una black comedy dai tratti borderline.

Glow (stagione 2)
Una serie dal plot decisamente originale, con momenti di pura intensità e uno script di alto livello.

Extra

1 film
Dogman – Matteo Garrone
Un film di cruda bellezza, fieramente fuori dal tempo

1 canzone
Night-Blooming Cereus – Protomartyr
Un vero inno alternative. «Only in darkness does the flower take hold / It blooms at night»

1 opera multimediale
Twin Peaks: The Return
L’opera definitiva di David Lynch, un nuovo termine di paragone per il mondo dell’audiovisivo

RICCARDO CONTI
(Vogue Italia, VICE Italia, Artribune)

First Reformed – Paul Schrader
Funeralopolis – Alessandro Redaelli
The Square – Ruben Östlund
Dogman – Matteo Garrone
Loveless – Andrey Zvyagintsev
Il filo nascosto – Paul Thomas Anderson
Un sogno chiamato Florida – Sean Baker
Terra di Dio – God’s own Country – Francis Lee
RBG – Julie Cohen, Betsy West
Wild Wild Country (serie Netflix)


ALICE CUCCHETTI
(Film TV)

Ex Libris: The New York Public Library – Frederick Wiseman
The manner of what we make defines us

The Post – Steven Spielberg
Let’s… let’s go. Let’s-let’s do it. Let’s go, let’s go, let’s go. Let’s publish

Visages, Villages – Agnès Varda
Oh, oui. Je suis toujour partante

madre! – Darren Aronofsky
It’s time. To get. The fuck. Out of my house!

Lady Bird – Greta Gerwig
All those bends I’ve known my own life, and stores, and the whole thing

Nico, 1988 – Susanna Nicchiarelli
My heart is empty, but the songs I sing are filled with love for you

A Quiet Passion  – Terence Davies
But my soul is my own

Revenge – Coralie Fargeat
Always put up a fight

Gatta Cenerentola – Ivan Cappiello, Marino Guarnieri, Alessandro Rak, Dario Sansone
Ci sono luoghi per dirsi addio, e altri per ricordarti di chi sono io

Star Wars: Episodio VIII – Gli ultimi jedi  – Rian Johnson
Hope is like the sun: if you only believe in it when you can see it, you’ll never make it through the night

Piccolo (?) schermo
The Marvelous Mrs. Maisel  – Amy Sherman-Palladino (Amazon)
Oh yes, she did it, and it was fucking funny

The Good Fight  – Michelle King, Robert King e Phil Alden Robinson (CBS)
If I make my little corner of the world sane, then – I won’t let the insanity win

Atlanta – Donald Glover (FX)
Keep on keepin’ on

Fuori schermo
Twin Peaks: The Return (David Lynch, Mark Frost)
Who’s the dreamer?


DAMIANO D’INNOCENZO
(regista)

Il Filo Nascosto – Paul Thomas Anderson
Dogman – Matteo Garrone
Children Are Not Afraid of Death, Children Are Afraid of Ghosts – Rong Guang Rong
Gatta Cenerentola – Alessandro Rak, Ivan Cappiello, Marino Guarnieri, Dario Sansone
La idea de un lago – Milagros Mumenthaler
A Ciambra – Jonas Carpignano
Marjorie Prime – Michael Almereyda
Lazzaro Felice – Alice Rohrwacher
Combat au bout de la nuit – Sylvain L’Espérance
Chiamami col tuo nome – Luca Guadagnino

VALENTINA D’AMICO
(Movieplayer)

Tre manifesti a Ebbing, Missouri – Martin McDonagh
Una manciata di interpretazioni eccezionali al servizio di uno dei commediografi più brillanti attualmente in circolazione

Chiamami col tuo nome – Luca Guadagnino
Luca Guadagnino abbandona i formalismi e si mette a nudo in un film che emoziona nel profondo con una colonna sonora da urlo

Ammore e malavita – Antonio Manetti, Marco Manetti
Esplosivi Manetti Bros che mescolano generi, canzoni, citazioni, cinefilia e un cast in stato di grazia

madre! – Darren Aronofsky
L’ego di Aronofsky è eccessivo come molte sue opere, ma non manca di coraggio e confeziona un film di notevole potenza visiva ed emotiva

Dogman – Matteo Garrone
Misurato e lucido, Matteo Garrone scava nelle bassezze dell’animo umano senza mai giudicare i suoi reietti, ma indagandone l’umanità

Una donna fantastica – Sebastián Lelio
Il cinema cileno è esploso e ci regala perle di eleganza e sincerità. Speriamo che anche la strepitosa Daniela Vega abbia la carriera che merita

The Disaster Artist – James Franco
James Franco sembra aver trovato la sua cifra registica e firma il suo Ed Wood omaggiando la cinefilia e l’ambizione più sgangherata

Corpo e anima – Ildikò Enyedi
Una storia d’amore delicata e improbabile raccontata con tono ironico e surreale, un film come se ne vede pochi

Morto Stalin se ne fa un altro – Armando Iannucci
L’ingegno di Armando Iannucci firma una satira arguta che parla del presente indagando sulla morte di un dittatore del passato. Scrittura, regia e recitazione impeccabili

L’isola dei cani – Wes Anderson
L’atmosfera giapponese aiuta Wes Anderson a essere più ironico e stilizzato che mai regalandoci un nuovo gioiellino in stop motion

ADRIANO DE GRANDIS 
(Il Gazzettino, Segnocinema)

In ordine alfabetico

A Ciambra – Jonas Carpignano
Blade Runner 2049 – Denis Villeneuve
Dogman – Matteo Garrone
Il filo nascosto – Paul Thomas Anderson
Foxtrot – Samuel Maoz
Mektoub My Love – Canto Uno – Abdellatif Kéchiche
A Quiet Passion – Terence Davies
Ready Player One – Steven Spielberg
La truffa dei Logan – Steven Soderbergh
Visages, villages – Agnès Varda

Extra
Les garçons sauvages – Bertrand Mandico
Mindhunter (serie tv Netflix)
Fotbal Infinit – Corneliu Porumboiu

IRENE DIONISIO
(regista, Lovers Festival)

Lazzaro felice – Alice Rohrwacher
Tre manifesti a Ebbing, Missouri – Martin McDonagh
Les garçons sauvages – Bertrand Mandico
Chiamami con il mio nome – Luca Guadagnino
The Disaster Artist – James Franco
La forma dell’acqua – Guillermo del Toro
Foxtrot – Samuel Maoz
Malila:The Farewell Flower – Anucha Boonyawatana
Surbiles – Giovanni Columbu
L’inganno – Sofia Coppola


SIMONE EMILIANI
(Sentieri SelvaggiFilm Tv)

Detroit – Kathryn Bigelow
Dogman – Matteo Garrone
Avengers: Infinity War – Anthony Russo, John Russo
Solo: A Star Wars story – Ron Howard
L’isola dei cani – Wes Anderson
Hereditary – Ari Aster
Unsane/La guerra dei Logan  – Steven Soderbergh (come unico film)
Doppio amore – François Ozon
La truffa del secolo – Olivier Marchal
The Post – Steven Spielberg


BEATRICE FIORENTINO
(Il Piccolo, Il Manifesto, Settimana Internazionale della Critica)

in ordine alfabetico

A Ciambra – Jonas Carpignano
Blade Runner 2049 – Denis Villeneuve
Detroit – Kathryn Bigelow
Dogman – Matteo Garrone
Good Time – Benny Safdie, Josh Safdie
Chiamami col tuo nome – Luca Guadagnino
Mektoub My Love – Canto Uno – Abdellatif Kéchiche
Nemesi – Walter Hill
Ready Player One – Steven Spielberg
Visages, Villages – Agnès Varda
I fantasmi d’Ismael – Arnaud Desplechin

Extra sala epocali
Nocturama – Bertrand Bonello
First Reformed – Paul Schrader
My Brother’s Name Is Robert and He Is an Idiot – Philip Gröning


ANDREA FORNASIERO
(MyMovies, Link – Idee per la Tv, Biografilm Festival)

Blade Runner 2049 – Denis Villeneuve
ho visto cose

Detroit – Kathryn Bygelow
j’accuse

Baby Driver – Il genio della fuga – Edgar Wright
crime musical

Foxtrot – Samuel Maoz
un quadrato chiuso

Morto Stalin se ne fa un altro – Alessandro Nannucci
blackest comedy

Una luna chiamata Europa – Kornél Mundruczó
super migrante

La stanza delle meraviglie – Todd Haynes
un incontro tra codici

Dogman – Matteo Garrone
l’uomo cane

Tre manifesti a Ebbing, Missouri – Martin Mc Donagh
incendiario

Charley Thompson – Andrew Haigh
twainiano

Serie
The Deuce (HBO)
Yellowstone (Paramount Network)
Westworld (HBO)

FRANCESCO GIAI VIA
(Annecy Cinéma Italien)

per rimanere nei dieci si è dovuta restringere a cinque

Avengers: Infinity War – Anthony Russo, John Russo
Come traumatizzare un’intera generazione di piccoli spettatori cinematografici.
Il cinecomic più ambizioso della storia è anche il film d’avventura più bello degli ultimi anni (ed è anche la riprova che i villain sono SEMPRE i personaggi più interessanti)

Chiamami col tuo nome – Luca Guadagnino
Stratificato come una di quelle torte che fatichi a capire come possano stare insieme. Poi ne metti in bocca un cucchiaio ed è la cosa semplicemente più sublime che tu abbia mai mangiato

Coco – Lee Unkrich, Adrian Molina
Un film sulla morte come non si era mai visto

Detroit – Kathryn Bigelow
Il film più sottovalutato della stagione su cui hanno pesato tante assurdità del politicamente corretto contemporaneo. Bigelow (con Fincher) rimane centrale per comprendere la contemporaneità.

Lazzaro Felice – Alice Rohrwacher
Lo scandalo della bontà in grado di travalicare il tempo e lo spazio, di sopravvivere alla comunità degli uomini fattisi ormai branco pronto a uccidere. La conferma di un talento maggiore del cinema europeo e mondiale.


CARLO GRISERI

(Seeyousound Festival)

Il filo nascosto – Paul Thomas Anderson
Visages, villages – Agnès Varda
Chiamami col tuo nome – Luca Guadagnino
Dogman – Matteo Garrone
Tre manifesti a Ebbing, Missouri – Martin Mc Donagh
Una donna fantastica – Sebastián Lelio
Detroit – Kathryn Bigelow
The Party – Sally Potter
A ciambra – Jonas Carpignano
L’Isola dei cani – Wes Anderson

Extra
Barbara – Mathieu Amalric
Atlanta (Serie FX)


ENRICO IANNACCONE
(regista)

Happy End – Michael Haneke
(Auto)Ritratto di un autore che fa le smorfie allo specchio

The Square – Ruben Östlund
L’uso del pretesto per gioire del profumo di una bomba esplosa

Il filo nascosto – Paul Thomas Anderson
Occhi raffinati sulla realtà gastroenterologica dell’amore

Dogman – Matteo Garrone
Revenge porn al sapore di amianto

Corpo e anima – Ildikò Enyedi
Disease porn ad alto tasso azotemico

La terra dell’abbastanza – Fratelli D’Innocenzo
Opera prima di rara potenza e maestria

Loveless – Andrey Zvyagintsev
Quando Alyosha Karamazov si ribella ai surgelati

The Disaster Artist – James Franco
Il tragico spirito di sopravvivenza della mediocrità

Dark Night – Tim Sutton
Tute mimetiche e mimesi catartica

L’intrusa – Leonardo Di Costanzo
Lo scricchiolìo dell’equilibrio

LUIGI LOCATELLI
(Nuovo Cinema Locatelli)

Solo film usciti in sala

Il sacrificio del cervo sacro – Yorgos Lanthimos
Perché non possiamo non dirci greci

La casa sul mare – Robert Guédiguian
Nostalgia (socialista), ma senza lacrime

Doppio amore – François Ozon
Vertigini hitchockiane

Good Time – Benny Safdie, Josh Safdie
La calda notte dei fratelli Safdie

Il filo nascosto – Paul Thomas Anderson
PTA alla guerra dei sessi

Visages, villages – Agnès Varda
Le facce, gli occhi, lo sguardo

L’atelier – Laurent Cantet
120 battiti, un’estate

Avengers: Infinity War – Anthony Russo, John Russo
La resa dei conti dei supereroi

Dove non ho mai abitato – Paolo Franchi
Il cinema borghese italiano esiste!

madre! – Darren Aronofsky
Il flm maudit dell’anno, dunque da amare

Mektoub My Love – Canto Uno – Abdellatif Kéchiche
L’ipnosi del corpo e del desiderio

Loveless – Andrey Zvyagintsev
Solo il cinema russo sa essere oggi cinema morale

RAEL MONTECUCCO
(Gli Sbandati, Concorto Film Festival)

Dall’ultimo al primo

Annihilation – Alex Garland
L’ora più buia – Joe Wright
Good Time – Josh Safdie, Benny Safdie
How to Talk to Girls at Parties – John Cameron Mitchell
Loro – Paolo Sorrentino
A Beautiful Day – Lynne Ramsey
La forma dell’acqua – Guillermo Del Toro
Hereditary – Ari Aster
Il filo nascosto – Paul Thomas Anderson
madre! – Darren Aronofsky

FRANCESCA MONTI
(L’OsservatoreSegnocinema)

Mektoub My Love – Canto Uno – Abdellatif Kéchiche
Last Flag Flying – Richard Linklater
Chiamami col tuo nome – Luca Guadagnino
Unsane – Steven Soderpergh
Nico, 1988 – Susanna Nicchiarelli
Dunkirk – Christopher Nolan
La truffa dei Logan – Steven Soderbergh
L’amore secondo Isabelle – Claire Denis
The Post – Steven Spielberg
Un sogno chiamato Florida – Sean Baker

Tra black power e arte corrotta
Apeshit – Carters (videoclip)
All The Stars – Kendrick Lamar ft. SZA (videoclip)

Serie TV 
La fantastica signora Maisel (Amazon)


GIONA A. NAZZARO
(Settimana Internazionale della Critica, Visions du Réel)

Le livre d’image – Jean-Luc Godard
il cinema è ancora tutto qui

Avengers Infinity War – Anthony Russo, Joe Russo
lo spettacolo terminale delle merci del cinema al suo apice… si aspetta solo il suo superamento…

Belle dormant – Bella addormentata – Adolfo Arrieta
si sogna, si sogna, si sogna…

Chiamani con il tuo nome – Luca Guadagnino
tutto è cinema

Lazzaro felice – Alice Rohrwacher
il ritorno della macchina ammazzacattivi

Ore 15:17 – Attacco al treno – Clint Eastwood
il close-up di Eastwood

Les bienheureux – Sofia Djama
la voce più originale emersa dal nord Africa

Un couteau dans le coeur – Yann Gonzalez
se non ora, quando?

O processo – The trial – Maria Ramos
un film contro un colpo di stato; come Rosi e Lumet contro i fascisti

Teret – The Load – Ognjen Glavonic
l’esordio più sorprendente dell’anno

E infine…
Visages, villages – Agnès Varda
ma solo il finale, quando Godard dirige il film…«A la ville de Douernenay, du côté de la côte»

DAVIDE OBERTO
(DoclisboaTorino Film Festival)

120 battiti al minuto – Robin Campillo
Belle dormant – Adolfo Arrieta
Chiamami col tuo nome – Luca Guadagnin
Coco – Lee Unkrich, Adrian Molina
Le livre d’image – Jean-Luc Godard
24 frames – Abbas Kiarostami
Ash Is Purest White – Jia Zhang-ke
Let The Summer Never Come Again – Alexandre Koberidze
Va, Toto! – Pierre Creton
The Genre – Klim Kozinsky

Extra
La liberté – Albert Serra
Assolvenza Moro  (Blob)
Conferenza stampa Jean-Luc Godard a Cannes


DANIELA PERSICO
(Fimidee, Locarno Festival)

Lazzaro felice – Alice Rohrwacher
Una riflessione sul nostro recente passato, imprescindibile per comprendere le ferite del nostro Paese

120 battiti al minuto – Robin Campillo
Quando il cinema ha al centro il pensiero politico e la sua tramutazione in azione comunitaria

Les garçons sauvages – Bertrand Mandico
Invenzione e meraviglia: il cinema come arte della trasformazione, sognante come Vigo e magico come Redon

A Ciambra – Jonas Carpignano
Condividere il dolore degli altri, trovando il proprio posto nel campo dell’azione e restituendo lo spirito indomito che viene dal passato

Jurassic World – Il Regno distrutto – J.A. Bayona
Il preistorico irrompe nel mercato globale, annientando i “nuovi ricchi” a colpi di coda. Memorabile

Belle Dormant – Bella Addormentata – Ado Arrieta
Svegliatevi bambine! Il principe azzurro è innamorato del Re

Gli indesiderati d’Europa – Fabrizio Ferrero
Le frontiere di ieri e quelle di oggi, in cammino con rigore per recuperare la dignità perduta

Il filo nascosto – Paul Thomas Anderson
I rapporti di potere della coppia, in un sofisticato intreccio di lusso, desiderio e annientamento

L’isola dei cani – Wes Anderson
L’impossibile sintesi del concetto di immagine tra Oriente e Occidente: non è solo un gioco, e anche se lo fosse è uno dei più divertenti dell’anno

Loveless – Andrey Zvyagintsev
L’inutile ricerca dell’innocenza perduta: i ruderi del passato portano una memoria negata dall’asetticità del presente

Inoltre:

il Pardo d’oro a Mrs Fang di Wang Bing

la mirabile traiettoria segnata da Meteorlar di Gürcan Keltek

il ritorno in sala di Bande à part di Jean-Luc Godard

la serie televisiva I Love Dick


ALESSANDRO RONCHI
(Domus, Artribune)

In ordine di preferenza

Chiamami col tuo nome – Luca Guadagnino
Mai come ora abbiamo bisogno di film fluidi tutto-amore, dove tutto scorre e il desiderio si sposta per concatenamento tra corpi, luoghi, climi e atmosfere

Loveless – Andrey Zvyagintsev
Ancora un’apocalisse a bassa intensità e in tinte livide per Zvyagintsev. Abbiamo bisogno anche di rigore (formale, etico, visivo) luterano e di simbolismo fiammingo

Il filo nascosto – Paul Thomas Anderson
PT Anderson cuce una storia di baccanti e divinità che devono essere fatte a pezzi powellpressburgereggiando (quel blu del cielo!) e rileggendo il cinema inglese tutto

Dunkirk – Christopher Nolan
Se il cinema fosse solo un’esperienza audiovisiva, solo suono e coreografia, Dunkirk sarebbe difficile da pareggiare

Un sogno chiamato Florida – Sean Baker
Radicalmente contro il sogno americano senza piagnistei o pistolotti, piuttosto con l’ipercinetismo, lo sguardo incantato dei bambini e la camera a alzo zero

Good Time – Josh Safdie, Benny Safdie
You drive like a (neon) demon from station to station: un film visionario, infernale con un pensiero sotto ogni singola scelta di montaggio o di sound design

Columbus – Kogonada
Ozu goes to America. Ai minimi termini, densissimo, commovente come il suo modello

Dogman – Matteo Garrone
Raramente si è vista tanta abilità nel trovare – e filmare – una location, un ambiente così horror

Tonya – Craig Gillespie
Cosa resta di un film dei Coen se si tolgono l’intellettualismo e lo humor ebraico?

Visages, villages – Agnès Varda
A 90 anni Agnes Varda racconta ancora il marginale, l’eccentrico, il periferico con un’empatia e un intuito impareggiabili

The Crown (serie tv Netflix)
Se si vuole scoprire di che sostanza è fatto il potere – e non si ha il tempo di leggere tutto Foucault

Mindhunter (serie tv Netflix)
Fincher è il migliore nelle storie di serial killer perché ha la stessa maniacalità per il tono degli ambienti, la stessa implacabilità nel dettare i ritmi

Wild wild country (serie tv Netflix)
Osho come archetipo e come reagente di tutte le contraddizioni e follie della società post-sessantottina e tardo-capitalista.

LUCA RONCORONI
(Sentireascoltare, Noisey)

La ragazza nella nebbia – Donato Carrisi
Giallo nerissimo, sul Male in senso ontologico, presente in tutti.
Nessuno si salva, in un film di genere che diventa ora noir ora thriller, ora procedural ora piece teatrale, cinefilo e violento senza essere derivativo o voyeuristico. Ad averne

Leatherface – Julien Maury, Alexandre Bustillo
Un horror d’autore sporco e malato con una fotografia strepitosa, un road-movie di una violenza ultra-citazionista e capace finalmente di riallacciare un ponte saldo e orgoglioso con l’archetipo di Hopper, guardando a Dario Argento e Rob Zombie

Doppio Amore – François Ozon
Tra De Palma e videoclip, il nuovo Ozon si muove in una pletora ampissima di rimandi cinefili confezionando un gioiellino di surrealismo che è mero esercizio di stile, fatuo ed elegantissimo, freudiano e carnale

Nemesi – Walter Hill
Noir metropolitano in cui Hill ribalta le dinamiche transgender applicandole a ossessioni tipicamente cronenberghiane. La sessualità del(la) protagonista è frustrata in un loop al contrario, per cui il cambio di sesso è dramma identitario anziché suo scioglimento

L’ora più buia – Joe Wright
Un Churchill umano che rutta e caga, affabula e improvvisa, schiva il pericolo agiografia e resta immortalato nella straordinaria prestazione di un Oldman trasfigurato

The Shape of Water – Guillermo Del Toro
Una fiaba dark e (meta)cinematografica, retromaniaca e citazionista, filtrata da una fotografia cianotica e da un’aura adorabilmente naif. Forse il Del Toro più a fuoco di sempre, con la sua poetica onnivora e bulimica finalmente capace di trovare la sua veste migliore

Il filo nascosto – Paul Thomas Anderson
L’amore attraverso la dominazione, fisica perché psicologica. Un film sul compromesso, su una rigidissima quotidianità domestica, sulla prossemica e sul dolore. Il lavoro, febbrile, come unico fine, fino al ritorno in un uterale bozzolo materno, per ricaricarsi e ricominciare da capo

The Post – Steven Spielberg
Aria da classico per la solita nostalgia spielberghiana che guarda al passato per riflettere sul presente, gettando sabbia nei meccanismi del potere e maneggiando il Cinema con sguardo essenziale e scorci di grandezza

Tre manifesti a Ebbing, Missouri – Martin Mc Donagh
Atmosfere à la McCarthy e interpretazioni superbe per un film che potrebbe essere il solito scorcio del marcio dormiente sotto la superficie della provincia americana, ma – pur eccedendo in qualche didascalismo evitabile – riesce a spingere le sue ambizioni un po’ più in là

A Quiet Place – John Krasinski
Una post-apocalissi orrorifica travestita da film muto per indagare l’incomunicabilità familiare. Meno riuscito di quanto le premesse teoriche potevano lasciar sperare

 


EMANUELE SACCHI
(MyMoviesFilm TV, Hong Kong Express)

Il filo nascosto – Paul Thomas Anderson
La perfezione non richiede spiegazioni. Poi a me i funghi piacciono anche quando sono tossici

Un sogno chiamato Florida – Sean Baker
Non-luogo forse resta una parolaccia, ma per questo gioiello si può pure sospendere l’anatema

Mrs Fang –  Wang Bing
Pardo d’oro inedito di Wang Bing. Che cos’è la morte oggi tra i display dei telefoni accesi

Chiamami col tuo nome – Luca Guadagnino
Perché rendere Crema l’Eden non è mica roba da tutti

Last Flag Flying – Richard Linklater
Le contraddizioni insanabili dell’America, la vecchia New Hollywood e un magone che non finisce più

La truffa dei Logan – Steven Soderbergh
Esaltante, un’ubriacatura di ritmo. Soderbergh è una mente superiore che legge il contemporaneo come un libro aperto (parte 1)

Ready Player One – Steven Spielberg
Tutto quello che non è Soderbergh, ma la sequenza di Shining è sconvolgente

120 battiti al minuto – Robin Campillo
Un fiume di sangue che scuote le coscienze

Unsane – Steven Soderbergh
o “Del dispositivo”. Soderbergh è una mente superiore che legge il contemporaneo come un libro aperto (parte 2)

Hereditary – Ari Aster
Tutti a cenà da papà Paimon (dio, quella bambina)

Extra
God’s Plan – Drake (videoclip)

Cannes che ripudia Netflix: ossia se il progresso è questo, anche no

La “nouvelle vague thailandese” (quella che non c’è)


TOMMASO TOCCI
(Ioncinema)

Les garçons sauvages – Bertrand Mandico
Patchwork oltraggioso e metamorfico, dovrebbe essere insopportabile e invece è la più bella delle allucinazioni

Mektoub my love – Canto Uno – Abdellatif Kechiche
Disgustosamente sexy e autenticamente problematico

I segreti di Wind River – Taylor Sheridan
La capacità di creare empatia con un personaggio ultra-secondario all’interno di uno dei set piece meglio costruiti in un decennio di cinema americano mi spezza il cuore ogni volta

Chiamami col tuo nome – Luca Guadagnino
Nato fugace e innocente, vissuto abbastanza a lungo da diventare il nemico, e per questo reso ancora più intrigante

Nocturama – Bertrand Bonello
Capolavoro fantasma, sempre attuale, mai nuovo. Esso stesso oggetto in vetrina in un grande magazzino sprangato. Superficie scintillante che induce in tentazione

1945 – Ferenc Török
Imbarazzo e disagio compressi e impacchettati dentro una bomba a orologeria, piazzata sotto al tavolo nel mezzo del villaggio

A Beautiful Day – Lynne Ramsey
Inno alla scomposizione del gesto cinematografico. Prima non finito, poi non ricordato. Alla fine c’era o non c’era?

Silent Mist – Miaoyan Zhang
Mai pensato di poter entrare così in contatto con il rumore di sandali che battono sui ciottoli di una cittadina cinese come durante il piano sequenza iniziale

Dove cadono le ombre – Valentina Pedicini
Bell’esordio italiano per Pedicini – puntuto e scontroso e orgoglioso e rivendicativo

Good Time – Josh Safdie, Benny Safdie
Il cinema come movimento propulsivo

Extra

TV
Nanette (Hannah Gadsby, Netflix)
La risata si spegne in bocca

Serial
The Americans (Joe Weisberg and Joel Fields, FX)
Finisce una parte di me

VR
The Deserted (Tsai Ming-liang, HTC Vive VR)
Il Vive è meglio del Gear, e Tsai è meglio di noi


CARLO VALERI
(Sentieri selvaggi)

In ordine alfabetico
Anon – Andrew Niccol
Blade Runner 2049 – Denis Villeneuve
Chiamami col tuo nome – Luca Guadagnino
Jim & Andy: The Great Beyond – Chris Smith
The Meyerowitz Stories – Noah Baumbach
Nico, 1988 – Susanna Nicchiarelli
Nocturama – Bertrand Bonello
Unsane – Steven Soderbergh
Un sogno chiamato Florida – Sean Baker
Visages, villages – Agnès Varda

Extra
Mindhunter (serie Netflix)
Welcome Home – HomePod (Commercial Apple)  – Spike Jonze
Wild Wild Country (serie Netflix)

ALBERTO VIAVATTENE
(regista)

Il filo nascosto
– Paul Thomas Anderson
Come P.T.A., solo P.T.A.Tre manifesti a Ebbing, Missouri – Martin Mc Donagh
Perché ridere e piangere insieme può capitare solo nei film

Dogman – Matteo Garrone
Garrone che rifà Garrone, per fortuna

Chiamami col tuo nome – Luca Guadagnino
Perché mi ha cambiato il modo di vedere le pesche

A Beautiful Day – Lynne Ramsey
Perché è scritto male ma si vede e sente troppo bene

Loro 1 – Paolo Sorrentino
Salire sulle montagne russe con Berlusconi

Loro 2 – Paolo Sorrentino
Scendere dalle montagne russe con Berlusconi

Ella e John – Paolo Virzì
Non mi ricordo perché ma mi è piaciuto

Hereditary – Ari Aster
Perché deve ancora uscire Mandy

A Ciambra – Jonas Carpignano
Potente


RICCARDO ZAGAGLIA
(Sentireascoltare)

Storia di un fantasma – David Lowery
Un ghost movie atipico, rarefatto, sfuggente, delicato ed introspettivo.
Un gioco di sottrazione imbastito su silenzi scanditi dalla ciclicità

Un sogno chiamato Florida – Sean Baker
Un nuovo affresco dell’altra America firmato Sean Baker, questa volta immerso in un profondo white-trash dai contorni colorati.
Un film potente e commovente

Tre manifesti a Ebbing, Missouri – Martin McDonagh
Il classico film con tutti gli elementi al posto giusto (plot, ritmo, fotografia, attori) e di conseguenza il classico film che può piacere a tutti i palati

Good Time – Josh Safdie, Benny Safdie
Retrogusti urbani e notturni di stampo 90s in una sintesi avvincente tra hood, heist e buddy movie.
Un Pattinson mai così credibile

Tonya – Craig Gillespie
Una grande storia americana raccontata con gusto

The Disaster Artist – James Franco
Il migliore tributo possibile a The Room. Si ride, tanto

Il filo nascosto – Paul Thomas Anderson
Paul Thomas Anderson non delude mai. Il lento crescendo di intrecci gestiti magistralmente.
Jonny Greenwood fa il resto

Dogman – Matteo Garrone
Garrone torna (quasi) alla realtà, romanzando la cronaca italiana con uno stile vivido, denso e catartico.
Scelta del luogo e del protagonista (Marcello Fonte) quanto mai azzeccata

Lucky – John Carroll Lynch
Il perfetto addio a Harry Dean Stanton. Racchiude tutto quel mix di ironia e melanconica drammaticità che ha accompagnato la carriera di uno dei più grandi caratteristi di sempre

Loveless – Andrey Zvyagintsev
L’impatto forse è lievemente inferiore a quelli di Leviathan, ma Zvyagintsev conferma il proprio stile e il proprio modo di intendere il cinema drammatico


FILIPPO ZORATTI
(Cinematographe)

Tonya
– Craig Gillespie
Vero,come la finzione

Ex Libris: The New York Public Library
– Frederick Wiseman
Due monumenti alla civiltà 

Dogman – Matteo Garrone
Sonni (italiani) della ragione #1

L’inganno – Sofia Coppola
Siamo uomini o caporali nordisti?

A Quiet Place – Un posto tranquillo – John Krasinski
Post-umano, post-trumpiano

Jim e Andy – Chris Smith
Genio = sregolatezza

Il sacrificio del cervo sacro – Yorgos Lanthimos
Sonni (greci) della ragione #2

Loving Vincent – Dorota Kobiela, Hugh Welchman
Loving Stendhal (Syndrome)

Valerian – La città dei mille pianeti – Luc Besson
Autarchia anti/simil disneyana

The Disaster Artist – James Franco
Falso, come la verità

Extra

Dark – Stagione 1 (Netflix) – Baran Bo Odar, Jantje Friese
Stranger (German) Things

Concerto Future Islands a Monaco (8/11/2017)
Amore, synthpop & growl

Paracetamolo (Calcutta) – videoclip, regia di Francesco Lettieri
La vita è un sogno. E i sogni aiutano a vivere

a cura di