Drammatico

TUTTI I NOSTRI DESIDERI

Titolo OriginaleToutes nos envies
NazioneFrancia
Anno Produzione2011
Durata120'
Tratto dadal romanzo 'D'autres vies que la mienne' di Emmanuel Carrère

TRAMA

Lione. Claire, una giovane magistrata, incrocia la vita di una madre indebitata e quella di Stéphan, un altro magistrato. In pochi mesi i loro cammini saranno indissolubilmente legati.

RECENSIONI

Adattamento libero di un romanzo di Emmanuel Carrère (anche regista: La moustache, in italiano L’amore sospetto), il film riporta Lioret sul campo prediletto del film buonista di taglio popolare, di facile lettura ma tendenzialmente non banale, attento al tratteggio dei personaggi e alla ricostruzione d’ambiente. Claire (Marie Gillain), un magistrato a contatto diretto con esistenze problematiche, soffocate dalla crisi e dal futuro incerto, scopre di avere un tumore e, preferendo non dire nulla al marito, lo conduce lentamente, ma decisamente, tra le braccia di un’altra donna, una madre in difficoltà di cui ha deciso di perorare la causa e con la quale stringe un rapporto nel quale convergono passione professionale e civile, ammirazione e affetto. In una società dominata da un sistema soffocante e apparentemente inscalfibile (lo si batte solo quando si vanno a toccare i suoi nervi scoperti - il mercato, non i diritti delle persone -) la protagonista trova l’appoggio di un collega magistrato (l’ottimo Vincent Lindon), unico depositario del doloroso segreto della sua imminente morte, figura paterna con la quale si intreccia un rapporto mai esattamente decodificato nei suoi termini.
Come nel precedente Welcome il dramma umano si mescola a quello sociale senza forzature, in un film semplice, di disegno chiaro fino al didascalico, che delega a gesti limpidamente metaforici la sua narrazione (il profumo regalato dalla protagonista all’altra donna è un palese passaggio di consegne). Il film patisce la confezione televisiva e la perdita episodica di misura, ma il regista riscatta queste mancanze con la consueta attenzione per il dettaglio e la solida direzione degli interpreti.