Azione

TEAM AMERICA

TRAMA

Sono la squadra speciale più speciale al mondo: proteggono l’Occidente dai terroristi islamici, dal dispotico leader della Corea del Nord e dalle star di Hollywood.

RECENSIONI

I cattivi ragazzi di SOUTH PARK l’hanno fatto di nuovo: Parker e Stone confezionano con perizia sfrontatamente artigianale (anche nel doppiaggio: prestano le proprie voci a quasi tutti i personaggi, maschili e non solo…) un’altra action/musical comedy al cianuro sull’apocalisse della società dello spettacolo. I personaggi sono marionette (nelle mani di chi?) che si muovono su sfondi pacchiani e palesemente finti (il prologo parigino), ma tutto il resto è fin troppo vero, dall’eroismo devastante (alla lettera) dei militari all’imbarazzante attivismo dei divi del cinema (impossibile non citare il kamikaze Michael Moore, ma è una trovata fra mille), dall’impotenza delle istituzioni internazionali (l’impagabile apparizione di Hans Blix) alla vanità screziata di malinconia del sanguinario dittatore coreano (simile al Satana di SOUTH PARK: BIGGER LONGER & UNCUT). Niente e nessuno è al riparo dalla satira graffiante degli autori, che non si limitano a sfornare battute e gag esilaranti ma creano figure memorabili e sequenze superbe, dalla presentazione del Team all’amplesso di Lisa e Gary [peraltro tagliuzzato anche in dvd (speriamo nel director’s un/cut)], allo scontro conclusivo tra Gary e il più grande attore del mondo (meglio tacerne il nome). Purtroppo, la sezione centrale gira a vuoto, risultando un po’ stiracchiata (ma la caduta di Gary è risolta al meglio, con una sequenza di abiezione alcolica a metà strada fra la Troma e Lynch), e il finale opta per una scappatoia aliena che delude non poco, alla luce dell’inflessibile capacità (auto)critica sfoggiata in precedenza.