Drammatico

STORIE

Titolo OriginaleCode inconnu: Récit incomplet de divers voyages
NazioneGermania/ Francia/ Romania
Anno Produzione2000
Durata117'
Sceneggiatura
Fotografia

TRAMA

Un’attrice, il suo uomo, reporter di guerra, il fratello di questo, un’immigrata clandestina: le loro e altre storie si intrecciano nella Parigi di oggi.

RECENSIONI

E' un codice sconosciuto (il titolo originale è importante chiave di lettura) quello che lega i frammenti di vita dei personaggi di questo film fratto e slegato, denso in alcuni momenti, vuoto in altri. Attraverso un racconto che, piu' che corale, sembra una ridda di voci soliste scoordinate e programmaticamente disarmoniche, Haneke sembra voler pessimisticamente dirci dell'ineluttabile impotenza dell'uomo di fronte al dramma delle esistenza propria e altrui: indifferenza, inazione, inadeguatezza al vivere. Nessuna volontà o possibilita' di decodificare queste realta', dunque: tutto è destinato a restare intradotto e ignoto. Il film ha un inizio promettente che, con l'entrata in scena della Binoche (la sua interpretazione è il punto di maggior interesse della pellicola) nel bel piano sequenza in strada, brucia subito la sua carta migliore. Il puzzle scoordinato infatti, nonostante gli intenti scopertissimi, resta irrisolto sul piano drammatico: pur nello loro intenzionale sconnessione, infatti, i frammenti appaiono abbozzi retorici (a parte poche eccezioni) e prevedibili, evidentemente dimostrativi. Insomma nella sua non-struttura il film appare costruitissimo, tutt'altro che autentico e si palesa trovata intellettualoide, che si radicalizza nell'uso di uno schema in cui diventa facile apporre qualunque cosa, qualunque cosa trovandovi legittimazione. Non e' negabile il fascino di alcune sequenze (la primissima parte) ma questo non salva il film dal fallimento, costellato com'e' da molti scampoli di vacua banalita' e simbolismo gridato. Tutto fumo, per dirla grossolanamente.