Commedia

O LUCKY MAN!

Titolo OriginaleO Lucky Man!
NazioneGran Bretagna
Anno Produzione1973
Genere
Durata183'

TRAMA

Mick Travis diventa piazzista per una manifattura di caffè. È un giovane ambizioso, ma si ritrova accusato di spionaggio e a fare da cavia per degli esperimenti.

RECENSIONI

Grottesco percorso di formazione di un Candido voltairiano, seconda tappa dell’ideale trilogia di Mick Travis, iniziata con Se... e chiusa anni dopo con Britannia Hospital. Malcolm McDowell (autore del soggetto) e l’arrabbiato Lindsay Anderson sparano a zero sui punti cardinali (vedi i cartelli intercalati) del sistema capitalistico, con una satira sociale brechtiana in cui l’umorismo nero dileggia acremente una realtà patologica, fra interpreti impegnati in più ruoli (diverse facce della stessa medaglia), impiegati servili, poliziotti e scienziati spudorati, sistema giudiziario con il paraocchi, controspionaggio e militarismo paranoici, borghesia perversa, spregiudicati imprenditori conniventi con politica, guerre e sfruttamento del Terzo Mondo. Ancor più sciagurata è la gommosa malleabilità di Mick Travis: non reagisce, subisce e sogna l’integrazione con un atteggiamento ingenuamente spavaldo e confidente nel dio denaro, vittima e artefice della propria condizione tragica. Se la madre di tanti mali è l’ipocrisia moralista, Anderson non risparmia i luoghi sacri (l'affamato, in chiesa, non può cibarsi dei doni fatti a Dio; una Madonna allatta Mick Travis che, per due volte, ha accettato la mela del peccato) e il buonismo (i barboni di Arancia Meccanica si vendicano del Travis diventato retto). Il racconto è circolare: l'ultima tappa del cammino di quest’uomo "fortunato" (rigettato dal Sistema, colpevole di non saper “giocare”) è lo star-system, lo stesso Anderson lo scrittura come protagonista del film. Solo nella rappresentazione si può ridere…per forza (recitando) e il (finto) film muto che Anderson mostra in apertura testimonia l’eternità della sofferenza del misero. Qualche accostamento allegorico semplicistico e la messinscena teatrale (poco immaginifica) appesantiscono una visione di lunga durata (183’), sollazzata però dalle belle canzoni di Alan Price.