Drammatico

NOI ALBINOI

Titolo OriginaleNói albinói
NazioneIslanda/Germania/Gran Bretagna/Danimarca
Anno Produzione2003
Durata93'
Sceneggiatura
Fotografia
Montaggio

TRAMA

Nói vive in un remoto villaggio islandese. Il suo desiderio è di fuggire dal piccolo paese e dai suoi abitanti. Conosce una ragazza e con lei vorrebbe realizzare il suo sogno. La natura, però, deciderà diversamente.

RECENSIONI

Nòi è un diciassettenne che vive in un piccolo villaggio. La madre è assente, il padre è anche troppo presente e tra una sbornia e l'altra riversa sul figlio la mancata realizzazione delle sue velleità artistiche; i compagni di scuola sono solo figure indistinte, gli adulti entità lontane con cui è impossibile stabilire un contatto. Unici barlumi di affetto, la nonna taciturna, un bibliotecario bizzarro e la nuova graziosa ragazza che lavora al distributore di benzina. Il sogno di Nòi è ovviamente la fuga, magari in coppia e verso lidi tropicali. Purtroppo l'unico punto di interesse del lungometraggio del debuttante Dagur Kàri sta nell'ambientazione islandese, che consente di sfogliare una geografia poco conosciuta attraverso la gelida realtà di un microcosmo chiuso tra le pareti ghiacciate di un fiordo e lontano da tutto ciò che è considerato mondo. Se, infatti, proviamo ad immaginare la vicenda in un qualsiasi altrove con le stesse caratteristiche (non tanto climatiche quanto relazionali) scopriamo di avere già visto le medesime dinamiche da racconto di formazione "borderline" in tantissimi altri film (ad esempio "My name is Tanino", per restare in Italia, o "Buon compleanno Mr. Grape" per andare oltreoceano). La solitudine, l'incapacità di aderire ai binari del quieto vivere, la voglia di fuggire, l'inadeguatezza di un percorso deciso da altri, vagano nello stereotipo e non trovano un punto di vista personale a cui aggrapparsi. Anche il taglio narrativo, greve con brio, ricalca con un sospetto di calcolo la stravaganza finnica di Kaurismaki. Qualche momento grottesco funziona (la fallita rapina in banca), la magica luce degli antipodi è filtrata con gusto, ma i tempi dilatati, uniti all'insistito e opprimente accordo musicale che sottolinea la maggior parte delle situazioni, non si ammantano della necessaria purezza. Di sincero si sente solo un fondo di rabbia di probabile derivazione autobiografica (il regista è anche sceneggiatore). Il risultato, tutt'altro che illuminante e un bel po' noiosetto, non va quindi oltre il compitino d'autore in odore di esportazione.