Documentario

LOST IN LA MANCHA

TRAMA

Può succedere che nonostante alla regia ci sia Terry Gilliam e tra i protagonisti Johnny Depp e Jean Rochefort, un film si perda per strada e diventi un progetto irrealizzabile. Il documentario è la cronaca, annunciata, del disastro.

RECENSIONI

Sono stati fortunati Keith Fulton e Louis Pepe, perché se il velleitario progetto di Terry Gilliam fosse divenuto realtà, il loro backstage si sarebbe confuso tra i tanti extra della versione DVD. L'impossibilità di trasformare "The Man who killed Don Quixote" in un film compiuto, lo ha invece reso la preziosa testimonianza di un fallimento. Il documentario è quindi un interessante dietro le quinte che insegna le tante difficoltà che un progetto deve affrontare prima di essere film e poter raggiungere un pubblico, vivendo così di vita propria. Difficoltà che comprendono la ricerca degli attori, la scelta delle location (non geniale la decisione di un set confinante con un territorio militare), i problemi logistici (prenotazioni di aerei e alberghi), la gestione delle comparse, sedute collettive di "reading" della sceneggiatura, la predisposizione delle scenografie e dei costumi. Un'enormità di occhi, bocche e mani che attendono un "sì" o un "no" e che il regista deve miracolosamente far interagire in modo equilibrato, in attesa, a sua volta, di "sì" o "no" da chi il progetto lo sostiene economicamente.
Tanti i motivi che hanno concorso al disastro finanziario (32 milioni di dollari) e creativo: la troupe sparsa in giro per il mondo, l'assenza di reale comunicazione tra i vari elementi del cast, un nubifragio a inizio lavorazione, il male alla prostata del protagonista Jean Rochefort, che ha dovuto abbandonare il set, ma su tutto l'incapacità del regista di circoscrivere il suo estro, di dare una forma alla sua potente visione, di sfogare in modo costruttivo il suo ego. Un'ambizione smisurata, poco incline al compromesso, che si è trovata a scontrarsi quotidianamente con l'assenza di un budget adeguato e con un'organizzazione approssimativa (anche se gli spot girati successivamente per la Nike, qualche inclinazione al compromesso la dimostrano). Il documentario segue la fase di pre-produzione e i pochi giorni di riprese. Terry Gilliam mantiene sempre un ottimismo contagioso, come se gli ostacoli fossero carburante della sua grande capacità visionaria, ma intorno a lui l'entusiasmo cala progressivamente: chi si appella alla razionalità  (l'aiuto regista Phil Patterson), chi pare dubbioso (la costumista Gabriella Pescucci), chi preoccupato (i produttori), chi spaesato (Johnny Depp), chi addolorato (Jean Rochefort), chi semplicemente assente (Vanessa Paradis, mai arrivata sul set). Il backstage alterna interviste e discussioni a qualche fotogramma del girato (sempre magico il filtro della pellicola). L'animazione di Chaim Bianco, il "Terry Gilliam's Picture Show", riassume con ironia glorie e disfatte del geniale ma discontinuo regista, e non manca un riferimento al maleficio che pare aleggiare intorno al testo di Cervantes e alla sua trasposizione cinematografica. Anche Orson Welles, infatti, ne fu ossessionato per dieci anni e la sua lotta con i mulini a vento si risolse in medesima sconfitta. Alla fine gli unici a uscirne indenni sono stati i nostri Franco e Ciccio, diretti con meno pretese da Gianni Grimaldi nel 1968 in "Don Chisciotte e Sancio Panza".
Da non perdere, dopo i titoli di coda, l'efficace trailer con la corsa dei tre formidabili giganti (quando la realtà supera il cinema, vedere per credere!) sulla beffarda scritta "cooming soon".