KISS KISS, BANG BANG

Titolo OriginaleKiss Kiss Bang Bang
NazioneU.S.A.
Anno Produzione2005
Genere
  • 67135
Durata102'
Sceneggiatura
Tratto dadal romanzo Bodies Are Where You Find Them di Brett Halliday
Fotografia
Montaggio
Scenografia

TRAMA

A New York il ladruncolo Harry Lockhart finisce in un provino per sfuggire alla polizia, invitato a L.A. Come attore deve sostenere un training da detective, seguendo per un giorno il duro Gay Perry. Tutto diventa incredibilmente complicato, violento e grottesco.

RECENSIONI

C'è di che affannarsi a rincorrere e districare, alla prima visione, gli infiniti garbugli narrativi, i riferimenti culturali, metacinematografici, i salti nel buio della sceneggiatura di Kiss Kiss Bang Bang[1]: tratto da qualche pezzetto di un oscuro romanzo di Brett Halliday (“Bodies Are Where You Find Them”) ma, soprattutto, sceneggiato da Shane Black. Quest'ultimo, assieme al produttore Joel Silver, è stato l'uomo d'oro degli anni '90 essendo il ghignante colpevole degli script di Arma Letale e, per converso, capro espiatorio per l'accusa d'aver logorato il mercato con le sue tipiche esasperazioni; il drammatico flop commerciale di Spy diretto da Renny Harlin e tre anni prima quello altrettanto atroce di Last Action Hero di McTiernan sono ferite che il mercato e le Major hanno saputo condire con l'adeguata dose di sale.
Il debutto registico di Black è un miscuglio compresso di abilità di scrittura, stereotipi post-moderni (surreale che esistano, vero?) e gusto fuori moda: a partire dai titoli di testa (e dal sito che consigliamo di visitare: istruttivo sulla costruzione dei personaggi) in stile anni 60 -con aggiornamenti di animazione Flash- fino alla coda posticcia, fuori registro, con quell'interpellazione, del narratore protagonista che non vuole staccarsi dal film che ha appena raccontato, strappata brutalmente da qualche campus movie di fine anni '80 o, ad essere più gentili e costruttivi, da True Romance. Se non ci fosse da considerare di fatto la personalità di Black ed il ricorrere di alcuni suoi strumenti narrativi, la coppia di protagonisti (buddy movie, sempre lui) in perenne amorevole bisticcio (un ladro idiota di N.Y. ed un occhio privato gay (Gay Perry) di L.A.), il rincorrersi di -almeno- due trame intrecciate, un meccanismo, oltretutto teorizzato nel film come ipotesi da stereotipo televisivo, stereotipo a sua volta innescato e fatto esplodere per la gioia di personaggi e spettatori, lo scarto tra folle cazzeggio verbale e scene di violenza crude e istantanee.
Oltreoceano David Thomas ha paragonato il possibile effetto di KKBB (...) a quello avuto da Scream sugli slasher movies: il gioco sulle convenzione, l'autoreferenzialità esasperata, il consapevole distacco gigione dei protagonisti (Robert Downey Jr. recita col pilota automatico, una meraviglia) c'e' tutto, oltre a riferimenti a Raymond Chandler, Chinatown, al più vieto Pulp seriale (e magari pure Reindeer Games è sempre Natale quando succedono questi casini).
Fuori tempo massimo, libero, sbracato ma con una piacevole eleganza di fattura, uno score musicale efficace, bellamente sfacciato.

[1] Si lascia libertà di scelta se ricondurre il titolo all'articolo di Pauline Kael, al filmucolo di Duccio Tessari oppure al curioso aneddoto per il quale un giornalista italiano coniò l'espressione per James Bond: Mr. Kiss Kiss Bang Bang