Poliziesco

IL GRANDE SONNO

Titolo OriginaleThe Big Sleep
NazioneU.S.A.
Anno Produzione1946
Durata114'
Tratto dadal romanzo di R. Chandler
Fotografia

TRAMA

Philip Marlowe, private eye californiano, riceve un incarico dal generale Sternwood. Pare che una delle sue irrequiete figlie si sia messa nei guai con una storia di ricatti. Ma le cose sono molto, molto più complesse.

RECENSIONI


Tratto dal celeberrimo romanzo hard boiled di Raymond Chandler, pubblicato in Francia, insieme ad Hammet, in quella "Serie Noire" che anche nominalmente contribuirà a definire il genere (ma secondo alcuni sarebbe più opportuno parlare di "stile"), The Big Sleep rappresenta uno dei punti di svolta (insieme a The Maltese Falcon, con Bogey che fa le prove generali per entrare nel mito nell'esplosivo debutto di Huston) nel cortocircuito così unico tra cinema e letteratura tipico del noir. La rappresentazione di Hawks, la sceneggiatura di Faulkner (per i dialoghi non si può evitare l'immagine abusata dei fuochi d'artificio...), l'interpretazione indimenticabile di Bogart, influenzeranno a lungo, oltre ovviamente alle pellicole successive, le pagine noir. Se infatti per definizione il noir, al contrario del giallo, si disinteressa delle regole positiviste che prevedono la risoluzione razionale di un enigma (chi ha commesso il delitto?) per privilegiare l'indagine di una realtà sregolata e violenta (perche' è stato commesso un delitto? in quale contesto?), The Big Sleep è addirittura paradigmatico (si pensi ai noir postmoderni quali L.A Confidential ma soprattutto The Big Lebowski) nel confondere le trame fino ad un livello parossistico, nell'intrecciare le descrizioni di caratteri, ambienti, perversioni, debolezze, delitti. La grandezza del film, sin dall'incipit, sta nella capacità di proiettare lo spettatore nello stesso ostile universo nero, confuso e disperato nel quale Bogart-Marlowe è scaraventato senza altro paracadute che non sia la sua ironia, sottolineata dalla narrazione off in prima persona. Ecco infatti che Marlowe arriva in una lussuosa villa, e dopo aver respinto le avances di una giovane ninfomane viene introdotto al cospetto di un uomo morente nella soffocante serra (metafora dell'inferno noir che si appresta ad indagare) da un ambiguo maggiordomo, per concludere il pomeriggio con amorose (?) scaramucce con una dark lady mozzafiato. Il tutto in meno di dieci minuti. Da qui prende il via un rutilante e spiazzante caleidoscopio di personaggi e caratteri, tra i quali risaltano quelli femminili. Una galleria di donne bellissime inesorabilmente sedotte dalla coppia attore-personaggio forse più affascinante della storia del cinema. Indimenticabile il cameo di Dorothy Malone nei panni di una avvenente e disinibita libraia, in una gag seduttiva inventata ad hoc per film e protagonista. 
Secondo Tavernier, The Big Sleep "... è il capolavoro del film nero, e a ogni nuova visione si prova il piacere sempre più grande dovuto al cinismo e all'ironia del tono". Non lasciatevi dunque scappare un nuova (tantomeno se fosse la prima) visione. Anche se non capirete assolutamente nulla e per l'ennesima volta non sarete in grado di raccontarne o spiegarvi la trama. Per consolarvi, ecco un estratto da una lettera di Chandler "... quando Hawks girava il grande sonno, lui e Bogart ebbero una discussione a proposito di uno dei personaggi, se cioè veniva assassinato o si suicidava. Mi mandarono un telegramma chiedendolo a me, e maledizione, non lo sapevo neppure io..."(da "Parola di Chandler" Milano libri edizioni, 1976).