I COMPARI

(McCabe and Mrs. Miller )

di Robert Altman
TRAMA

John McCabe e Constance Miller gestiscono un bordello in un piccolo paese di minatori. Una compagnia minieraria, per ottenere il terreno su cui sorge la bettola, usa ogni mezzo per levarseli dai piedi.


RECENSIONI

Il cinema americano ha un gran debito con il western: forma testuale, oltre che di entertainment, eletta a vettore dello spirito d'un popolo, pay off d'una civiltà. L'intraprendenza, lo scontro con l'ignoto ed allo stesso tempo, la seconda fronte, ombrosa e ghignante, la fuga e la ricerca di una verginità, dell'annullamento della sofferenza esistenziale, insomma, dove osano i reietti. John McCabe è uno sbruffone da due soldi, trasandato e scemo, lui e le sue storielle (se le rane avessero le ali non sbatterebbero tanto il culo) ma, gli tocca, è l'eroe altmaniano, lontano nel tempo da Phil Marlowe eppure vicinissimo alla scanzonata disperazione di un mondo, una realtà, un piccolo buco fangoso che pende vertiginoso all'annullamento. Il sogno della frontiera è aprire un bordello in paesucolo squallido in cui, quasi casualmente si è giunti; in un ambiente costantemente invaso dal fango e dalla pioggia, ove tutto appare attutito, avvolto in un torpore che sa di idiozia, Altman iscrive la propria azione di corrosione del mito, non azione per ottenere benefici ma piccoli accadimenti, che si appoggiano sull'orizzonte della casualità e così anche il rapporto tra McCabe e Mrs. Miller è sottilmente ondeggiante, non detto, forzosamente nascosto in infantilità - da parte di John - e rudezza "professionale" - Constance. Lontane le aperte possibilità della prateria, nella conca montana vige la costrizione ed in un ambiente del genere, soffocato e densificato dalla fotografia di V.Zsigmond, la tragedia si stringe ed avvolge la vita in un grottesco balletto, dai tratti falsamente seriosi, da casino, lindo e pulito all'insegna dell'antitesi, della falsità e della sconfitta. La lotta con la compagnia millenaria che vuole sfrattare la tranquilla attività d'intrattenimento assume l'aspetto dell'intestardimento; uomini impantanati nell'esclusione di prospettive si lasciano scivolare nella morte, nella fine d'un sogno la cui possibilità di concretizzarsi appare sempre un poco più in là, continui intoppi condiscono la quotidiana speranza ma con il lavoro e con i sentimenti si agisce sempre sbagliando ma con evidente, gentile umanità.

Luigi Garella
Voto: 7.5




Garella
7.5

Back