CHAOS

(Heya fawda )

di Youssef Chahine
TRAMA

Vita, amore e morte di Hatem, poliziotto corrotto e corruttore che...


RECENSIONI

Melodramma ipertrofico, fotoromanzone politico composto di figure unidimensionali e segnato da sentimenti forti ed estremi, Le Chaos è un tuffo in un quartiere in subbuglio, quello di Choubra, al Cairo, dominato da un poliziotto corrotto, figura buffa e tragica assieme, che dovrebbe rappresentare la Nemesi del paese e simbolicamente sintetizzare i difetti, le contraddizioni, le brutture del sistema politico egiziano. L’amore folle di Hatem, l’impossibilità di conquistare il cuore della candida, pura ed incorruttibile Nour, rappresenta il bisogno, anche di un animo macchiato di colpe incoffessabili, di recuperare la purezza e allo stesso tempo il malsano istinto di possedere ciò che ha definitivamente perduto: la giovinezza. Se si accettano la confezione grezzamente imbastita, i dialoghi da fueilleton non particolarmente originale e ci si abbandona al puro piacere che può derivare da un’infilata incredibile, spudorata di luoghi comuni, il divertimento è garantito.

Manuel Billi
Voto: 7




Billi
7

Back