ADUA E LE COMPAGNE


di Antonio Pietrangeli
TRAMA

Dopo la chiusura dei bordelli decretata dalla legge Merlin, quattro “signorine” decidono di aprire un ristorante che faccia da paravento al proseguimento della loro attività.


RECENSIONI

Si celebrano i funerali della femmina di piacere, schiava reclusa nella sua cella pacchiana, ma è solo una farsa macabra: lo sfruttamento del corpo e dell’animo femminile, seppur costretto a bucolici e più tortuosi sentieri, prosegue indisturbato. L’illusione di un cambiamento dura poche settimane, il tempo di abituarsi a una nuova (im)possibile vita: la sete di denaro e l’ipocrisia degli uomini ridurranno in cocci i sogni delle protagoniste. I punti deboli del film sono l’eccessiva linearità dei caratteri e la simmetria troppo accentuata dell’intreccio: se può essere interessante la scelta di rendere Adua, Lolita, Marilina e Milly con i tratti consapevolmente stereotipati di figure da bordello (la donna forte, l’oca giuliva, la bella scontrosa e la brava ragazza), la ripartizione delle sventure sentimentali (compagni incostanti e venali, figli ritrovati e fidanzati perduti) suona meccanica e il trattamento drammaturgico decisamente prevedibile, trovando solo nel confronto prefinale con il laido magnaccia accenti perturbanti, benché viziati da una vena d’insistita platealità. A conquistare, come spesso in Pietrangeli (vedi Fantasmi a Roma, realizzato nello stesso anno di Adua), è il dettaglio rivelatore (lo sfuggente accostamento che scioglie – o no? – il mistero sulle origini di Carletto), la cura minuziosa con cui il regista tratteggia un mondo di trasparenze mendaci e cornici soffocanti, il cui carattere in apparenza decorativo risponde sempre a precise esigenze espressive (la sequenza della contrattazione con il protettore, aperta dalla disinvolta goffaggine di Lolita e chiusa dalla calma desolazione di Adua), i segni inquietanti che punteggiano la messinscena (il vaso e i pulcini che ossessionano Marilina, la proposta di matrimonio incompiuta come l’edificio in cui ha luogo). Ottima la prova delle attrici (Milo su tutte), meno brillante quella di un Mastroianni alle prese con una slavata macchietta.

Stefano Selleri
Voto: 7




Selleri
7

Back